Offerta formativa

Offerta formativa

ATTIVITA’ DIDATTICA FRONTALE E SEMINARI

  • La Scuola di Dottorato organizza dei Corsi Trasversali, proposti ai dottorandi di tutti i Corsi di Dottorato, su tematiche di interesse generale e con l’intento di favorire la condivisione e collaborazione tra dottorandi di varie aree tematiche. Informazioni su questi corsi possono essere reperite sul sito della Scuola di Dottorato.
  • L’attività didattica formale specifica del Dottorato in Neuroscienze si svolge mediante lezioni organizzate per tematiche. I corsi sono intesi a fornire a tutti i dottorandi sia le conoscenze di base nell’ambito delle neuroscienze, sia conoscenze avanzate relative a tecnologie e tematiche specifiche di interesse dei diversi curricula. Vengono organizzati anche laboratori su tematiche specifiche, rivolti principalmente ai dottorandi del terzo anno. L’elenco e la descrizione dei corsi proposti per l’a.a. 2016/2017 e attivati in base al numero di adesione è disponibile qui: Summary of teaching courses_PhDinNeuroscience.
  • Il Dottorato in Neuroscienze organizza per i dottorandi seminari e workshop su argomenti di interesse del Dottorato. Inoltre il collegio propone ai dottorandi la partecipazione a seminari, corsi e scuole, anche se non organizzati direttamente dal Dottorato, su tematiche ritenute di interesse per i Dottorandi.

La partecipazione ai corsi trasversali organizzati dalla Scuola di Dottorato e all’attività didattica  organizzata dal Corso di Dottorato permette l’acquisizione di crediti formativi. Per il conseguimento del titolo di Dottorato è necessario che ciascun Dottorando nel corso dei tre anni maturi almeno 8 crediti formativi, di cui almeno 2 derivanti dalla partecipazione ai corsi trasversali. In caso di comprovata impossibilità a partecipare alle attività proposte dal Dottorato, i crediti relativi all’attività didattica formale possono essere acquisiti anche con la partecipazione a seminari, scuole e corsi specialistici esterni al Dottorato, purché preventivamente concordati e autorizzati dal tutor e dal coordinatore.

ATTIVITA’ DIDATTICA NON FORMALE

Si intende per attività didattica non formale un approfondimento delle tematiche sviluppate durante l’attività didattica formale del 1° e 2° anno del Corso di Dottorato. Tale approfondimento si avvarrà di strumenti bibliografici e informatici, suggeriti durante l’attività didattica formale, e della supervisione da parte del tutore.

ATTIVITA’ DI RICERCA

Il Dottorando svolge attività di ricerca durante i tre anni del Corso di Dottorato, nell’ambito circoscritto e approfondito di uno specifico settore. Il terzo anno del corso di Dottorato è interamente dedicato alle attività di ricerca. L’impegno richiesto al Dottorando presso la sede di svolgimento delle attività di ricerca è di frequenza a tempo pieno, con certificazione da parte del Tutore. Il programma di ricerca viene presentato all’inizio di ogni anno di corso dal Dottorando, previo parere favorevole del tutore, per la approvazione da parte del Collegio dei Docenti.

 I Dottorandi possono svolgere esperienze di ricerca in contesti lavorativi presso Enti pubblici o privati, italiani o stranieri, con cui i Dipartimenti ai quali afferiscono i docenti del Collegio abbiano in atto collaborazioni scientifiche.

ESAME FINALE

La Tesi di Dottorato è rappresentata da una dissertazione scritta in lingua Inglese che dia conto della attività di ricerca svolta dal Dottorando nei tre anni di frequenza.

L’esame finale consiste nella discussione dei risultati ottenuti nello svolgimento della Tesi di Dottorato, che ne illustri l’originalità e la rilevanza scientifica. Risultati parziali di particolare rilevanza potranno essere pubblicati durante il Corso di Dottorato, anche prima della pubblicazione della Tesi. Per accedere all’esame finale è necessaria la pubblicazione durante il periodo di Dottorato di almeno un articolo su rivista peer-reviewed indicizzata, non necessariamente a primo nome.

La tesi verrà sottoposta al giudizio di due revisori esterni che avranno facoltà di chiedere un supplemento di sei mesi per completare l’attività di ricerca o potranno autorizzare il candidato a discutere la tesi

La Commissione giudicatrice per l’esame finale è nominata dal Rettore, sentito il Collegio dei docenti, e deve essere composta da tre membri scelti tra professori e ricercatori universitari, di cui almeno un professore di ruolo. Almeno un membro deve appartenere all’Università degli Studi di Milano-Bicocca. La Commissione può essere integrata da non più di due esperti appartenenti a strutture di ricerca pubbliche e private, anche straniere purché esterni all’Università e non docenti universitari. I valutatori non possono entrare a far parte della Commissione.